3 – 9 maggio 2022

Data

9/5/2022

Categorie

Rassegna stampa

Stadio Franchi Firenze

Su La Nazione

del 3 maggio si legge: “Se non è una maledizione, poco ci manca. Ogni volta che sembra manchi tanto così per dare un nuovo futuro allo stadio Franchi succede qualcosa di imponderabile che lo mette a repentaglio. E ieri per il restyling sono arrivate due notizie: una buona e una cattiva. Partiamo da quella positiva: tra i fondi del Pnrr destinati alla Città metropolitana di Firenze ci sono anche i 55 milioni aggiuntivi, oltre ai 95 già previsti, che copriranno l’intero costo dei lavori. Sempre che i lavori si facciano. Perché il campanello d’allarme suona e non lascia appello. Ed è qualcosa che va ben oltre lo stadio. E che il sindaco Dario Nardella spiega senza lasciare spazio a interpretazioni: con l’inflazione che corre se non si adeguano i prezzi prima dell’assegnazione delle gare d’appalto, le aziende non parteciperanno ai bandi. Et voilà, la frittata. Il Pnrr in Italia non si farà”.

 

Sicurezza e movida Firenze

Sul Corriere Fiorentino

del 6 maggio si legge: “All’esterno della stazione di Santa Maria Novella dal 12 maggio arriveranno pattuglie miste di esercito e carabinieri per arginare i fenomeni di criminalità e degrado. Lo ha annunciato il prefetto di Firenze Valerio Valenti. (…) Valenti ha precisato che ‘il pattugliamento misto si terrà nella fascia oraria 19-24 a partire dal prossimo 12 maggio, nell’area antistante piazza della Stazione, e si aggiunge agli analoghi servizi svolti all’interno della stazione, dalla Polizia Ferroviaria e dagli stessi militari’”. E’ stato presentato poi il piano per la movida sostenibile, fatto di alcuni punti. Intanto 24 steward il venerdì e sabato sera nell’area di Sant’Ambrogio, Santa Croce, piazza della Repubblica, piazza Santo Spirito. Poi bagni pubblici gratis fino alle 3 il giovedì, venerdì e sabato (dalle 21 alle 3), sempre in Santo Spirito, Santa Croce e Sant’Ambrogio. Nelle stesse aree ci sarà la presenza di personale di Alia per la raccolta di rifiuti. Da giugno a settembre ci saranno 60 eventi culturali sui sagrati delle tre piazze e il venerdì e il sabato il divieto di mangiare e bere sui gradini ma non di sedersi. Sono previste poi delle sedute dove potersi sedere.

 

Tenuta Mondeggi Bagno a Ripoli

Sul Corriere Fiorentino

del 3 maggio si legge: “Un maxi progetto di 52 milioni per far rinascere la tenuta di Mondeggi, patrimonio storico immerso tra i vigneti e gli oliveti di Bagno a Ripoli, risalente al XIV secolo e di proprietà della Città metropolitana. I fondi arriveranno dal Pnrr e serviranno per un totale restauro della villa, del giardino, dei casali e delle cappelle, i terreni saranno suddivisi in sette poderi con altrettanti casali, ci saranno una nuova viabilità e invasi di acqua per l’irrigazione, oltre a impianti per le energie rinnovabili. L’obiettivo è un progetto polivate che possa includere agricoltura sociale, social housing per anziani, poli di formazione e cultura con realtà associative del territorio e strutture ricettive nell’ambito del turismo sostenibile. (…) Per la definizione del futuro di Mondeggi è stata chiama in causa anche la comunità Mondeggi bene comune, che da quasi dieci anni occupa i terreni della tenuta rivendicandone la gestione collettiva. Nei mesi scorsi, dopo la decisione di inserire il recupero fra i progetti da finanziare con i fondi del Pnrr, ci sono stati confronti tra i tecnici della Città metropolitana e gli occupanti, pur senza alcun riconoscimento formale”.

 

Donazioni per Firenze

Su Repubblica

del 4 maggio si legge: “L’idea della donazione fatta dai turisti a Palazzo Vecchio potrebbe passare attraverso una app sul cellulare. Lo ha spiegato ieri il sindaco Nardella: ‘Stiamo lavorando perché qualunque turista straniero o italiano che entra nel centro storico, nel momento in cui arriva nell’area Unesco trova sul proprio cellulare un pop-up magari con un messaggio del sindaco che gli dà il benvenuto nella sua lingua, e aderisce volontariamente a questa piattaforma attraverso la quale può donare’. Un altro aspetto centrale, ha chiarito il sindaco, sono i dati: ‘Attraverso questa piattaforma noi saremo in grado di avere una mola di dati su come si muovono i turisti, quanti anni hanno, dove vanno, loro preferenze. Questo ci permette da un lato di controllare i flussi turistici, evitando i fenomeni di affollamento in certi luoghi e orari, dall’altro di stabilire un rapporto con loro e dialogare’”.

 

Bonus edilizi

Su La Nazione

del 5 maggio si legge: “Oltre 500 imprese con più di 100 milioni di euro bloccati nei cassetti fiscali in tutta la Città metropolitana di Firenze. E’ la proiezione, prudenziale, effettuata da Cna Firenze elaborando i risultati di un’indagine che ha coinvolto 50 imprese dei comparti edilizia, installazione e serramenti che stanno pagando lo scotto della stretta, imposta per legge, a sconto in fattura e cessione del credito applicati ai bonus edilizi. L’indagine svela che il 53% delle imprese con le spalle al muro opera nell’impiantistica, il 42% nell’edilizia e il 5% nella produzione. Il 30% deriva da lavori del super bonus 110% e lavori trainati (ecobonus), il 31% da lavori dell’ecobonus edile tradizionale e solo il 11% anche da lavori del bonus facciate”.

 

Ex ospedale San Gallo Firenze

Su Repubblica del 5 maggio si legge: “Rinasce l’ex ospedale militare San Gallo, con un mix di residenziale, direzionale, ricettivo e commerciale. Dopo la variante approvata dal Consiglio comunale a giugno 2020 che definiva le destinazioni d’uso di quest’area di 16mila mq, ora è arrivato il via libera della giunta di Palazzo Vecchio del progetto unitario convenzionato su proposta dell’assessora all’Urbanistica Cecilia Del Re. E tra le novità c’è quella che per la quota di destinazione residenziale è previsto l’obbligo di non insediare per 10 anni affittacamere, Bed and Breakfast, case e appartamenti per vacanze. (…) Per il resto Palazzo Vecchio riceverà 630mila euro di monetizzazione dal privato, Gb Invest Holding, che serviranno a finanziare il restauro e la riqualificazione dello Sferisterio per 300mila euro, la riqualificazione dell’ingresso principale del Mercato Centrale di San Lorenzo per 100mila euro e la riqualificazione e manutenzione straordinaria della Scuola primavera Lavagnini per 230mila euro. Inoltre un’unità immobiliare di 150mq sarà ceduta gratuitamente al Comune per la realizzazione di una ludoteca”.

Condividi su

Newsletter

Ricevi news dall'Ordine degli Architetti e rimani aggiornato sulle ultime novità.