Dall'importanza della procedura concorsuale al Poc: confronto tra architetti, candidate e candidati sindaco

Data

4/6/2024

Categorie

News, Comunicati stampa

Candidate e candidati, ospitati in Palazzina Reale, hanno potuto raccontare in 30 minuti la loro visione di Firenze.

Dall'importanza della procedura concorsuale al Piano operativo comunale, dalla necessità di un dialogo interistituzionale del Comune con Ordine e Fondazione ai temi più discussi in questi mesi come le politiche dell'abitare, la mobilità e il rapporto con la Città metropolitana.

L'Ordine degli Architetti di Firenze ha completato il ciclo di incontri con le candidate e i candidati a sindaco di Firenze, ospitati nella Palazzina Reale, alla presenza del Consiglio dell'Ordine degli Architetti e da esponenti della Fondazione. Gli incontri si sono svolti in due momenti distinti e candidate e candidati hanno avuto ciascuno 30 minuti di tempo: nel primo slot hanno potuto illustrare la visione della Firenze del futuro Eike Schmidt (coalizione di centrodestra), Francesco Zini (Firenze Cambia), Dmitrij Palagi (Sinistra Progetto Comune), Francesca Marrazza (Ribella Firenze), Andrea Asciuti (Firenze Vera). Al posto del candidato di Firenze Rinasce Alessandro De Giuli si è presentato il candidato capolista al Consiglio comunale Libertario Raffaelli. Il secondo slot ha visto protagonisti Cecilia Del Re (Firenze Democratica), Lorenzo Masi (M5s), Sara Funaro (coalizione di centrosinistra). Stefania Saccardi (Iv) non ha potuto partecipare a causa di un contrattempo dell'ultimo minuto.

arrow icon

Alle candidate e i candidati abbiamo ribadito la centralità della procedura concorsuale – ha spiegato il presidente dell'Ordine degli Architetti di Firenze Andrea Crociani, a nome di tutto il Consiglio -. Il concorso è l'unico strumento, a nostro giudizio, in grado di garantire la qualità del progetto e di assicurare la necessaria trasparenza, rispettando i principi della concorrenza ed assicurando una selezione equa dei progettisti. Inoltre abbiamo formulato l'auspicio che non venga messo in discussione il percorso ormai avviato di approvazione definitiva del Poc in maniera da sbloccare tutti gli interventi consentiti dal Piano Operativo, ma non attuabili in regime di salvaguardia. Da parte nostra c'è poi l'esigenza di un costante dialogo interistituzionale del Comune con gli organismi tecnici, come avvenuto durante i precedenti mandati.

Sulla visione della città le candidate e i candidati sono stati coinvolti sul tema delle politiche dell'abitare, con particolare riferimento a sostenibilità sociale e ambientale, studentati e turismo e bilanciamento tra dinamiche locali e globali. Il dibattito è poi virato sulla mobilità (come la rete tramviaria) e sul rapporto tra Firenze e la sua area metropolitana.

arrow icon

Ringraziamo le candidate e i candidati che hanno scelto di confrontarsi con noi – ha aggiunto -. Sono emersi spunti interessanti, dalla necessità di un piano casa al confronto sulla tramvia. Più volte è stato fatto riferimento al tema della sicurezza.

Condividi su

Newsletter

Ricevi news dall'Ordine degli Architetti e rimani aggiornato sulle ultime novità.