Rassegna stampa 2 - 8 aprile 2024

Le notizie della settimana a tema architettura nell'area fiorentina.

Data

8/4/2024

Categorie

Rassegna stampa

Tramvia Firenze

Sul Corriere Fiorentino del 2 aprile si legge: “Dal 21 marzo sono iniziati i primi lavori propedeutici per la realizzazione della linea tranviaria che da piazza della Libertà giungerà a Bagno a Ripoli. Gli interventi, in questa fase, riguardano le asfaltature delle strade e piazze che saranno utilizzate come viabilità alternativa in occasione dei cantieri sui viali previsti nel 2025. Dopo il rifacimento avvenuto pochi giorni fa del manto stradale in zona piazza Oberdan, nel mese di aprile, sempre in orario notturno, i rifacimenti si sposteranno in viale Segni, via Luca Giordano, viale Mazzini e poi proseguiranno in piazza Gualfredotto-via Castiglionchio, via Danimarco-piazza Badia a Ripoli. La linea 3.2.1 da piazza della Libertà si immetterà in viale Matteotti, attraverserà piazza Donatello per proseguire in viale Gramsci fino a piazza Beccaria e, attraverso viale Giovine Italia, raggiungerà piazza Piave e svolterà a sinistra fino ad attraversare il ponte da Verrazzano. Da lì proseguirà lungo viale Giannotti e viale Europa fino al capolinea di Bagno a Ripoli”.

Aranci via Cavour

Su Repubblica del 3 aprile si legge: “In via Cavour sono arrivati i primi alberi di arancio, un intervento che fa parte del progetto di riqualificazione della strada che prevede anche l’allargamento dei marciapiedi e il rifacimento della carreggiata. Ieri ne sono stati piantati 4 e alla fine saranno in tutto 49, 23 sul lato sinistro di via Cavour andando verso piazza San Marco e 26 sul lato destro. Dopo le polemiche estive tra chi era contrario e favorevole subito dopo la presentazione del progetto l’estate scorsa, il sindaco Dario Nardella ha partecipato alla piantumazione degli aranci”.

Scudo Verde

Su La Nazione del 3 aprile si legge: “Ci siamo: tra meno di una mese - esattamente il 2 maggio - Palazzo Vecchio darà il via allo Scudo Verde attivando le 78 porte telematiche installate agli ingressi di Firenze. La richiesta per l’attivazione dei varchi è già stata inviata al ministero delle Infrastrutture, che però prima di dare il via libera ha fissato, per la prossima settimana, un incontro con i tecnici del Comune per un chiarimento. Le telecamere, che controlleranno gli accessi di tutti i mezzi nel capoluogo, non saranno collegate alla Control Room ma al sistema di gestione della Zona a traffico limitato che, anche attraverso l’ausilio della Motorizzazione civile, sarà in grado, fotografando le targhe, di valutare anche la categoria dei mezzi e se sono inquinanti”.

Via Mariti Firenze

Sul Corriere Fiorentino del 5 aprile si legge: “A quasi due mesi di distanza dal crollo nel cantiere Esselunga di via Mariti c’è un accelerazione delle indagini. In questi giorni gli inquirenti hanno sentito diverse persone le cui testimonianze serviranno per tirare le fila dell’inchiesta e per arrivare all’iscrizione dei primi nomi degli indagati. Ieri è stato convocato in Procura come persona informata sui fatti l’ingegner Luigi Meregalli, dirigente dell’Esselunga, direttore tecnico del settore costruzioni che si occupa anche del controllo dei lavori dei nuovi fabbricati e del rispetto della sicurezza sul lavoro. L’ingegnere arrivato da Milano ha spiegato come funzionano i rapporti nel momento in cui l’azienda madre affida i lavori a una società di costruzione e come vengono eseguiti i controlli”.

Condividi su

Pagine correlate

Qui puoi trovare la rassegna stampa delle ultime settimane

    Newsletter

    Ricevi news dall'Ordine degli Architetti e rimani aggiornato sulle ultime novità.